Trova un portafogli con 500 euro e lo consegna in Questura

I poliziotti rintracciano il legittimo proprietario e restituiscono il denaro
di redazione 2
1 mese fa
19 Gennaio 2021

Trova un portafogli con 500 euro e lo consegna in Questura.

Il 4 gennaio scorso un uomo di 71 anni ha consegnato ai poliziotti del Corpo di Guardia della Questura di Bari

un portafogli da uomo di colore grigio scuro, rinvenuto in centro città,

contenente una tessera PostePay e la somma di 500 euro in contanti, suddivisa in banconote di diverso taglio.

Gli agenti hanno affidato il portafogli ai poliziotti dell’U.P.G.S.P. che,

dopo aver effettuato gli accertamenti del caso, hanno rintracciato il legittimo proprietario e lo hanno invitato a presentarsi in Questura.

Notevole la sorpresa dell’uomo, un barese di 35 anni, quando gli agenti della Polizia di Stato gli hanno restituito il portafogli,

contenente la sua Postepay ed i 500 euro in contanti,

smarrito in centro città nel periodo delle festività natalizie.

Trova un portafogli e lo consegna in Questura

Quindi, secondo la legge se si trovano soldi per terra bisogna restituirli a chi li ha persi. Se i soldi sono all’interno di un portafoglio, è molto probabile che trovi anche dei documenti del legittimo proprietario. A questo punto, hai diverse possibilità:

consegnare il portafoglio – con dentro i soldi, ovviamente – alle autorità (Polizia municipale o di Stato, Carabinieri) in modo che lo facciano avere al suo proprietario;

spedire il portafoglio all’indirizzo indicato sui documenti che ci sono insieme ai soldi verificando, se ci sono più documenti di identità, che appartengano alla stessa persona e che l’indirizzo sia sempre lo stesso. Si eviterà, in questo modo, di spedirlo per raccomandata a/r ad un vecchio indirizzo o, comunque, nel posto sbagliato;

se l’abitazione che risulta dai documenti trovati nel portafoglio non è molto distante, consegnarlo direttamente al proprietario recandoti a casa tua.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post