Sputava in faccia alle donne: arrestato

di redazione
1 mese fa
22 Gennaio 2021
Sputava in faccia alle donne: arrestato

Sputava in faccia alle donne: arrestato.

Odiava le donne ed esprimeva tutto il suo disprezzo sputando in faccia a quelle che incrociava per strada.

Il quale determinando nelle vittime uno stato di paura e angoscia causato, oltre che dal gesto in se stesso.

Inoltre anche dalla paura relativa al grave periodo di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.

L’uomo, un cittadino straniero di 36 anni, tra giugno e agosto dello scorso anno, si era reso protagonista anche di numerosi reati; come lesioni personali e danneggiamenti aggravati, percosse, furti e resistenza a pubblico ufficiale, e per questo oggi è stato arrestato dagli agenti delle Volanti di Venezia.

Grazie alla collaborazione tra la Divisione anticrimine e gli operatori delle Volanti, è stato possibile ricostruire la sequenza degli atti e dei comportamenti delittuosi dell’indagato.

Cosi, consentendo così alla Procura della Repubblica di Venezia di giudicarlo socialmente pericoloso ed emettere il provvedimento di esecuzione carceraria.

Non è il primo caso di violenza perpetrata in questo modo con la minaccia insistente della pandemia.

In Inghilterra, infatti, un uomo positivo al virus ha sputato in volto alla bigliettaia della stazione di Londra. Belly Mujinga, di 47 anni, era al lavoro con una collega nella centralissima Victoria station.

Entrambe sono state avvicinate dall’uomo che ha tossito e sputato deliberatamente loro addosso.

Pochi giorni dopo entrambe si sono ammalate di Covid e Belly, già fragile per problemi respiratori pregressi, è morta dopo essere stata ricoverata in ospedale.

Si tratta di microaggressioni sempre più frequenti durante il Covid-19.

Il pericolo di contagio infatti rappresenta un’arma che rende questo tipo di aggressione, soprattutto nei confronti delle donne, diffusissimo e temuto per le strade delle maggiori città del mondo. Sputava in faccia alle donne: arrestato

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post