Chiedono la conversione del permesso di soggiorno esibendo passaporti falsi

Arrestati dagli agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Catania
di redazione 2
5 giorni fa
13 Gennaio 2021

Chiedono la conversione del permesso di soggiorno esibendo passaporti falsi. L’Ufficio Immigrazione della Questura di Catania ha proceduto all’arresto in flagranza di reato di due cittadini stranieri. Entrambi gli uomini originari della Guinea Conakri, per possesso di documenti falsi idonei all’espatrio.

Il primo convocato in Questura in quanto aveva spedito una fotocopia del proprio passaporto.

chiedendo che il proprio permesso per motivi umanitari fosse convertito in lavoro subordinato; tipologia di permesso per il quale è obbligatorio il possesso del passaporto.

Dalla fotocopia erano sorti alcuni dubbi, che hanno condotto l’Ufficio a richiedere l’esibizione del passaporto in originale; che da un primo accertamento con strumenti tecnici, è risultato alterato. In particolare mediante la sostituzione delle pagine contenenti la foto e i dati anagrafici.

Gli accertamenti specifici di polizia scientifica hanno confermato la falsificazione materiale.

Analogamente un altro guineano S. A., di anni 19, si è presentato per chiedere la conversione del permesso di soggiorno da minore età a studio;

L’uomo presentava un passaporto con le medesime modalità di falsificazione.

Si rappresenta che nello scorso mese di novembre erano stati effettuati due analoghi arresti.

Arresti compiuti a carico di due cittadini maliani per la medesima violazione penale, di cui all’art. 497 bis; norma che prevede l’arresto obbligatorio nella flagranza di reato.

Sono in corso approfondimenti investigativi, considerata la medesima modalità di falsificazione e la circostanza che tutti e quattro gli arrestati appartengono a comunità francofone.

Gli arrestati, che avevano richiesto il permesso di soggiorno esibendo passaporti falsi, sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, che ha convalidato l’arresto.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post