Moderna: il vaccino potrebbe proteggere fino a 2 anni

di redazione
2 settimane fa
7 Gennaio 2021
Moderna: il vaccino potrebbe proteggere fino a 2 anni

Moderna: il vaccino potrebbe proteggere fino a 2 anni.

Il vaccino anti Covid prodotto da Moderna dovrebbe proteggere dai sintomi del coronavirus per circa due anni.

Lo ha dichiarato l’amministratore delegato dell’azienda farmaceutica Stéphane Bancel.

“Il decadimento degli anticorpi generati dal vaccino ha un andamento molto lento e quindi riteniamo che la protezione possa durare un paio d’anni”.

Saranno necessari ulteriori test per confermare o smentire questa ipotesi sulla durata della protezione fornita dal vaccino Moderna.

Ma, ha precisato l’ad, “lo scenario da incubo descritto dai media in primavera sul rischio che i vaccini durassero solo un mese è escluso“.

Dalla Commissione europea viene fatto sapere inoltre che non ci sono prove riguado l’inefficacia dei vaccini di Moderna e di Pfizer e BioNTech contro la variante inglese del Sars-Cov-2.

Vaccino Moderna approvato in Europa dall’Ema L’Agenzia europea del farmaco e la Commissione Ue, dopo l’approvazione del 21 dicembre del vaccino Pfizer e BioNTech, hanno dato il via libera anche all’utilizzo di quello prodotto da Moderna.

Già dalla prossima settimana, dopo l’ok dell’Agenzia italiana del farmaco, è previsto l’arrivo nel nostro Paese delle prime dosi della profilassi prodotta negli Usa.

Quella fornita per i due vaccini è una autorizzazione all’immissione in commercio condizionata. Significa che i due farmaci potranno essere utilizzati in tutta l’Unione europea nonostante siano stati raccolti meno dati rispetto a quelli previsti dai protocolli Ema.

Tuttavia l’Agenzia europea del farmaco ha precisato che si tratta di vaccini efficaci e sicuri, come riporta Il Messaggero. Il prossimo in lista tra i candidati vaccini che potrebbero essere immessi in commercio e utilizzati dai Paesi Ue è il vaccino di Oxford prodotto da AstraZeneca e dall’italiana Irbm di Pomezia, già in uso nel Regno Unito.

Vaccino Moderna: quante dosi arriveranno in Italia Per la distribuzione del vaccino Moderna scenderà in campo l’Esercito, con un piano del ministero della Difesa che prevede lo stoccaggio nell’hub nazionale di Pratica di Mare (Roma) e il trasporto nei vari centri vaccinali con mezzi militari.

Nei prossimi tre mesi, giungeranno in Italia 1,3 milioni di dosi del vaccino Moderna. A gennaio arriveranno nel nostro Paese 100 mila dosi, a febbraio 600 mila e a marzo altre 600 mila. Vaccino Moderna: come funziona e quanto è efficace Il vaccino Moderna può essere inoculato a pazienti dai 18 anni in su.

Durante la sperimentazione su circa 30 mila individui si è dimostrato efficace al 94,1%. Una fiala contiene 10 dosi di vaccino.

Per raggiungere la completa immunizzazione sono necessarie due dosi da 0,5 ml iniettate sul braccio a distanza di 28 giorni l’una dall’altra. La tecnica utilizzata è la stessa del vaccino Pfizer e BioNTech, ovvero quella dell’Rna messaggero.

Questa molecola fornisce istruzioni al nostro organismo per difendersi dalla proteina Spike che forma la corona da cui il virus prende il nome e attraverso la quale si aggancia alle cellule umane. Essendo l’mRna particolarmente fragile, anche il vaccino Moderna necessita di temperature molto rigide per il trasporto e lo stoccaggio, ovvero -20° C, temperatura di conservazione per almeno 6 mesi.

Nei centri vaccinali verrà tenuto invece tra i 2° C e gli 8° C per 30 giorni, oltre i quali perderebbe l’efficacia. Moderna: il vaccino potrebbe proteggere fino a 2 anni.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post