Grazie ai messaggi sul cellulare dello spacciatore scoperti oltre 5 chili di droga

La Polizia di Stato arresta a Milano un uomo di 50 anni e denuncia un 20enne
di redazione 2
6 giorni fa
13 Gennaio 2021

Grazie ai messaggi sul cellulare dello spacciatore scoperti oltre 5 chili di droga. Ieri 12 gennaio nel pomeriggio, a Milano, la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino italiano di 50 anni per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

La  Polizia ha anche indagato in stato di libertà un 20enne italiano per il medesimo reato.

Verso le ore 16:45 la volante dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante l’attività di controllo del territorio, in via Mosca a Milano; ha controllato un italiano di 20 anni che fin da subito ha assunto un atteggiamento ostile nei confronti degli agenti.

Durante gli accertamenti, dal telefono in possesso del giovane, i poliziotti hanno accertato una corrispondenza con messaggi comprovanti un’attività di spaccio.

Durante le verifiche, il 20enne si è scagliato contro gli agenti al fine di riprendersi il telefono, dando inizio ad una colluttazione con i poliziotti.

Dopo aver assicurato il giovane all’interno della volante, gli agenti hanno controllato l’auto rinvenendo la somma di 5.100 euro all’interno del cassetto del cruscotto.

Ulteriori 435 euro e 10 grammi di hashish sono stati trovati nella sua abitazione.

L’attività investigativa effettuata sul posto ha permesso di accertare che la somma rinvenuta fosse destinata all’acquisto di sostanze stupefacenti; permettendo così agli agenti di risalire a un appartamento in via Bellini dove un italiano di 50 anni era dedito allo spaccio di droga.

Nel corso della perquisizione nell’appartamento del 50enne, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato circa 5,3 chili di droga: 1,12 Kg di hashish; 4,18 Kg di marijuana; 140 euro e i bilancini di precisione.

Il 50enne italiano è stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti, mentre il 20enne è stato denunciato per detenzione di stupefacente e per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post