Il Ministro Di Maio fa le valige e vola in Giordania e Arabia Saudita, mentre a Roma c’è area di crisi nel Governo Conte

Mi hanno detto: Forse è meglio se questo fine settimana rimani a Roma, bisogna attendere gli sviluppi della politica
di redazione 2
1 settimana fa
10 Gennaio 2021

Il Ministro Di Maio fa le valige e vola in Giordania e Arabia Saudita, mentre a Roma c’è area di crisi di Governo. Il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio si trova in missione in Giordania e in Arabia Saudita.

Il Ministro ha partecipato ad Amman ad una cena di lavoro con il Ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi.

Nella giornata di domenica il Ministro incontrerà il Primo Ministro del Regno di Giordania Bisher Al Khasawneh, cui seguirà un ulteriore riunione con il Ministro degli Esteri e degli Espatriati. Al termine, i due ministri rilasceranno delle dichiarazioni.

Il Ministro Di Maio incontrerà poi il Ministro della Pianificazione e della Cooperazione internazionale, Nasser Shraideh e la Ministro del Commercio, degli Investimenti e dei Rifornimenti, Maha al-Ali.

Nel pomeriggio di domenica il Ministro Di Maio si trasferirà in Arabia Saudita, dove, ad Al Ula, incontrerà il Ministro degli Affari Esteri, S.A. Principe Faisal bin Farhan Al Saud.

Ecco cosa ha detto il Ministro Di Maio: “Mi hanno detto: “Forse è meglio se questo fine settimana rimani a Roma, bisogna attendere gli sviluppi della politica”.

Perché sarei dovuto rimanere a Roma, quando da ministro degli Esteri avevo programmato una missione molto importante in Giordania e in Arabia Saudita che permetterà alle imprese italiane di avere nuove opportunità economiche e di lavoro?

A me interessa dare certezze agli italiani per uscire dalla pandemia, non discutere o fare polemica.

Il Paese non può e non deve restare fermo. I politici sono pagati per lavorare, non per litigare.

Ogni ministro, ogni membro di governo, ogni parlamentare è chiamato a dare il massimo, sempre.

Le trame di palazzo, i giochini, non dovrebbero nemmeno sfiorarci. Parliamo di cose concrete.

Vanno approvati subito ristori per autonomi, imprenditori, commercianti e tutti quelli che hanno avuto un notevole calo del fatturato a causa del covid.

Siamo intervenuti in maniera decisa con gli aiuti a favore di chi ha subito le restrizioni per la pandemia, ma adesso dobbiamo andare oltre, dobbiamo aiutare tutti.

E lo dobbiamo fare con il prossimo scostamento di bilancio. Una cosa è certa: la crisi economica non aspetta la politica.

Chi governa deve dettare i tempi della ripresa, dunque nelle prossime ore chiudiamo il Recovery e consegniamolo al Parlamento, mettiamoci al lavoro sui progetti di rilancio del Paese. Non perdiamoci in chiacchiere. Forza!

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post