Il Generale Serino è il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano

Subentrerà al Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina
di redazione 2
2 settimane fa
23 Febbraio 2021

Il Generale Serino è il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano. Il Consiglio dei Ministri, presieduto dal Premier Mario Draghi, su proposta del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini; nel corso della riunione di ieri ha designato il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano.

Ha assegnato l’incarico al Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino.

Il Generale Serino, che dal 31 ottobre 2018 ricopre l’incarico di Capo di Gabinetto del Ministro della Difesa; subentrerà al Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina.

Il  Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino è nato a Roma il 3 giugno 1960.

Conseguita nel 1978 la Maturità Scientifica presso la Scuola Militare “Nunziatella”; ha frequentato il 160° Corso dell’Accademia Militare di Modena ed il corrispondente Corso Applicativo presso la Scuola Ufficiali di Torino.

Promosso Generale di Divisione nel 2012, nel triennio 2013-2016 è stato Capo Ufficio Generale Pianificazione Programmazione e Bilancio dello Stato Maggiore Difesa.

In data 1° gennaio 2016 è stato promosso al grado di Generale di Corpo d’Armata.

Dal febbraio 2016 al marzo 2017 è stato Presidente del Comitato Guida per l’Implementazione del Libro Bianco per la Sicurezza Internazionale e la Difesa.

Dal 1° febbraio 2017 al 30 ottobre 2018 è stato Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito in Roma.

A far data dal 31 ottobre 2018 è il Capo di Gabinetto del Ministro della Difesa.

Decorazioni – Onorificenze:

Commendatore dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana;

Medaglia Mauriziana al Merito di dieci lustri di carriera militare;

Croce d’Oro con stelletta per anzianità di servizio;

Medaglia d’oro al Merito di Lungo Comando;

Legion of Merit Officer concessa dal Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti.

Il Generale di Corpo d’Armata Serino ha due figli: Daniele e Francesco.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post