Dal “fine pena mai” alla semilibertà per poi frequentare pregiudicati: ergastolano ritorna in carcere

Ergastolano in semilibertà sorpreso dalla Polizia di Stato in luoghi frequentati da pregiudicati.
di redazione 2
6 giorni fa
22 Febbraio 2021

Dal “fine pena mai” alla semilibertà per poi frequentare pregiudicati: ergastolano ritorna in carcere.

Ergastolano in semilibertà sorpreso dalla Polizia di Stato in luoghi frequentati da pregiudicati.

Revocato il beneficio e riaccompagnato in carcere dagli stessi agenti.

Era stato ammesso alla semilibertà il 67enne che, contravvenendo alle prescrizioni,

è stato riaccompagnato in carcere dagli agenti della Polizia di Stato del X Distretto Lido di Roma.

C’è scritto “fine pena mai” sul decreto di condanna che accompagna da molti anni C.F., 67 anni, originario della provincia di Rieti;

lo stesso, da qualche tempo, era stato ammesso al regime della semilibertà ed erano gli investigatori del X Distretto,

diretto da Antonino Mendolìa, che, discretamente, controllavano i suoi movimenti.

Sono stati gli stessi poliziotti, in 2 occasioni, a trovare C.M. in luoghi frequentati da pregiudicati.

Informato l’Ufficio del Giudice di Sorveglianza di Roma, il beneficio è stato immediatamente revocato e gli investigatori,

dopo avergli notificato il decreto, lo hanno accompagnato presso la Casa Circondariale.

Dal “fine pena mai” alla semilibertà ecco il motivo:

Sul piano pratico non ci sono liberazioni immediate degli ergastolani ostativi, né la sottrazione di strumenti di contrasto alla criminalità organizzata.

Semplicemente potrà essere restituita all’autorità giudiziaria la possibilità di esaminare le persone, la loro evoluzione e i percorsi detentivi; in sintesi i magistrati di sorveglianza riavranno il ruolo che gli compete; per declinare i principi portati dall’articolo 27 della Costituzione.
Per trasformare, ove possibile, il fine pena mai in una pena eventualmente temporanea.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post