Per chi arriva in Italia dai Paesi dell’Unione Europea: quarantena di 5 giorni e fare due test

Questo vale sia per gli italiani che per gli altri cittadini europei.
di redazione 2
1 mese fa
30 Marzo 2021

Chi arriva in Italia dai Paesi dell’Unione Europea dovrà portare un risultato del test sul coronavirus, fare una quarantena di 5 giorni all’arrivo e rifare il test.

Questo vale sia per gli italiani che per gli altri cittadini europei. Gli arrivati dall’estero devono ripetere il test per Covid-19 dopo 5 giorni di autoisolamento.

Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza, ha firmato oggi l’ordinanza. Fino ad ora, la maggior parte dei cittadini europei in arrivo  dovevano mostrare un test negativo fatto fino a 48 ore prima di entrare in Italia.

la quarantena si applicava soltanto alle persone provenienti da fuori l’Unione Europea. Una quarantena di due settimane è obbligatoria per tutti gli arrivi al di fuori dell’UE e dell’area Schengen.

Chi arriva in Italia dai Paesi dell’Unione Europea, può entrarci solo per motivi legati a questioni lavorative o alla necessità di cure mediche o formazione.

Il turismo in Italia è ufficialmente vietato, così come la circolazione dei residenti tra le diverse aree urbane e regionali.

Alcuni paesi sono nella cosiddetta Black List, il cui ingresso è vietato a causa della sfavorevole situazione epidemiologica, come per chi arriva da Bulgaria e Romania. L’Italia impone una quarantena obbligatoria di 14 giorni per tutti.

Allo stesso tempo, alcuni italiani si recano all’estero per viaggi turistici. Una delle destinazioni popolari è la Spagna, dove è sufficiente per i visitatori europei fare un test sul coronavirus.

Questo fatto è controverso in Italia, dove tutte le strutture turistiche sono costrette a rimanere chiuse.

“Non posso lasciare il mio comune, ma posso volare alle Isole Canarie – è assurdo”, il presidente della Federazione degli albergatori italiani.

Tuttavia, le autorità italiane esortano le persone a evitare qualsiasi viaggio all’estero se non strettamente necessario.

Le vicine Austria e Svizzera stanno già mettendo in quarantena i passeggeri in arrivo da altre parti d’Europa. Una scelta drastica ma utile per fronteggiare l’emergenza epidemiologica.

Temi di questo post