Camogli: frana sotto il cimitero e le bare cadono in mare

di redazione
6 giorni fa
22 Febbraio 2021
Camogli: frana sotto il cimitero e le bare cadono in mare

Camogli: frana sotto il cimitero e le bare cadono in mare.

Una frana di grosse dimensioni si è staccata dalla stada statale Aurelia, tra Recco e Camogli, proprio nel punto in cui c’è una porzione del cimitero della cittadina del levante genovese.

Sono molte le bare che sono finite in mare, più di 200.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, non ci sarebbero feriti.

Alcuni passanti avrebbero assistito, increduli, alla scena.

Proprio sotto al cimitero, da tempo si stava lavorando alla messa in sicurezza della falesia sottostante; già messa a dura prova dal maltempo e dalla mareggiata avvenuta nell’ottobre 2018.

Proprio tre settimane fa erano state ultimate le operazioni di pulizia vegetazionale e di disgaggio e una settimana fa si stava continuando a posizionare la rete metallica armata, già più di mille metri quadrati erano stati fissati.

La frana non si è staccata dalla strada statale ma a valle della strada provinciale 30 di Camogli, non coinvolta ma sulla quale il sindaco di Camogli ha preferito prudenzialmente istituire un senso unico altermato sulla sola corsia di monte, in prossimità del Belvedere.

Non sono ancora chiare le cause del crollo del terreno che ospita il cimitero.

I residenti della zona hanno osservato increduli: pompieri al lavoro anche con un elicottero e dal mare con una squadra di sommozzatori.

Anche per pianificare la strategia per il recupero delle bare finite in acqua; sul posto il nucleo Nbcr per la prevenzione del rischio biologico.

Camogli è un comune italiano di 5 219 abitanti della città metropolitana di Genova in Liguria.

Tipico borgo marinaro, centro turistico noto per il suo porticciolo e per i palazzi variopinti sul lungomare. È anche chiamata la “Città dei mille bianchi velieri”. Camogli: frana sotto il cimitero e le bare cadono in mare.

Clicca qui tutte le altre notizie di OndaSana.it. – Segui gli aggiornamenti “social” cliccando “mi piace” sulla pagina Facebook di OndaSana.

Temi di questo post